Muoversi a Venezia | www.actv.it

servizi online

infopoint

trasparenza
portale fornitori AVM

call center

callcenter
facebooktwitter

prenotazioni

Muoversi a Venezia

 



 La mobilita' a Venezia, città circondata e attraversata dall'acqua con una configurazione simile ad un pesce, e' caratterizzata da due sistemi di viabilità: quello delle vie d'acqua, canali e rii e quello dei percorsi pedonali fatti, nel gergo veneziano, di calli, campi, fondamente, salizzade; la città composta da una miriade di piccole isole è strettamente collegata da un nutrito numero di ponti.

In questo ambiente probabilmente unico al mondo, dove la storia si fonde con l'arte, il trasporto pubblico Actv garantisce la mobilità praticamente su tutto il territorio, tramite una rete di collegamenti acquei che si sviluppano, con molta semplificazione attraverso quattro sistemi di linee:

1) Linee Centro Citta', linee che attraversano la città navigando prevalentemente lungo le vie d'acqua del Canal Grande o del Canale della Giudecca, a partire dal Tronchetto fino al Lido di Venezia (linee 1 e 2);

2) Linee GiraCitta', linee di collegamento lungo il perimetro esterno lagunare cittadino fino a Murano e Lido di Venezia (linee 3, 41.1, 41.2, 51.1, 51.2, 6);

3) Linee Lagunari, linee che mettono in collegamento con le realtà più esterne dell’arcipelago lagunare, come le isole di Murano, Burano, Torcello, Sant’Erasmo, S.Servolo fino alla terraferma, arrivando all'aeroporto Marco Polo a Tessera, a Treporti, Punta Sabbioni, Chioggia, Fusina, S.Giuliano (linee 12, 13, 14, 19);

4) Linee Stagionali, linee attive nei periodi di maggior afflusso turistico o in occasioni di importanti manifestazioni alle quali vengono dedicate.

La mobilità a Venezia è garantita nell’arco delle 24 ore. Dalla mezzanotte circa, fino alle cinque del mattino è attiva la rete del servizio notturno, contrassegnata dalla linea N, vedi dettaglio degli orari.

 

 

 

6 sestieri (Cannaregio, Castello, Dorsoduro, Santa Croce, San Marco e San Polo), 118 isole collegate da 354 ponti che superano i 177 tra rii e canali che la percorrono.
285.000 gli abitanti dell’intero comune, poco meno di 56.000 per il centro Storico (la sola Venezia insulare) e oltre 20 milioni di visitatori/turisti all’anno (seconda in Italia dopo Roma e tra le prime al mondo).
Un azienda di trasporto pubblico (Actv) che trasporta 95 milioni di passeggeri per il solo servizio di Navigazione con oltre 120 stazioni galleggianti (pontoni) e 30 linee che la mettono stabilmente in comunicazione e raggiungibile nella sua totalità.
2 le vie d’acqua principali, il Canal Grande (attraversato da 4 ponti) e il Canale della Giudecca, una laguna, divisa geograficamente in nord e sud e punteggiata da 40 isole (alcune famosissime come Torcello, Burano, Murano, S.Servolo, Poveglia, il Lido).
Più di 100 chiese e quasi altrettanti campanili a torre (è la città più torruta d’Italia), il più alto S.Marco, 98 metri,  S.Fosca, 14 metri lungo la Strada Nuova, il più basso.
Centinaia di palazzi (Ducale, Ca’d’Oro, Ca’Foscari , Ca’Dario i più famosi), qualche decina di musei (Gallerie dell’Accademia, Ca’Pesaro, Guggenheim, Palazzo Grassi, per citarne alcuni), migliaia di opere, con tutti i grandi dell’arte, Leonardo, Bellini, Lotto, Giorgione, Tiziano, Bosh, Klimt, Picasso, Magritte.
Veneziana è la prima donna laureata al mondo Elena Lucrezia Cornaro Piscopia nel 1678, a Venezia si stampa la prima copia del Corano in lingua araba (1537) e a Venezia, al Velodromo del Lido per la precisione, il 14 luglio del 1894,  fu presentata la prima gara di motociclette e nel 1849 le prime bombe sganciate su bersagli dall'aria furono quelle imbarcate su aerostati senza pilota, antenati dei moderni droni, dagli austriaci durante l'assedio di Venezia.
A Venezia si gioca la prima partita di pallacanestro in Italia, siamo nel 1907.

Muoversi a Venezia significa muoversi alla ricerca di una sensazione, di un luogo, di un’opera d’arte, di un antico mestiere, anche solo per risolvere una curiosità.
Lo si può fare a piedi, o sfruttando le vie d’acqua scegliendo una tra le 159 imbarcazioni (vaporetti, motoscafi, battelli foraneii, motonavi o navi traghetto) a disposizione della flotta Actv, azienda ultracentenaria nata nel lontano 1881.